Home Gallery
Reports
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Mountain Bike
Archivio
Itinerari
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Fenio...menali
Forum
Ricerca
   Zucco Pesciola, Spigolo dei Bergamaschi+Cresta Ongania
Zona  Lombardia - Orobie
Partenza  Valtorta - Loc. Ceresola (Valle Brembana) (1340m)
Quota attacco  1950 m
Quota arrivo  2092 m
Dislivello  150 m
Difficoltà  AD+ / IV+ ( IV+ obbl. )
Esposizione  Nord
Rifugio di appoggio  Rif. Lecco
Attrezzatura consigliata  Corda 50m, 6-7 rinvii
Orario indicativo 1h e 30' all'attacco; 2h e 30' la via
Periodo consigliato Tarda primavera-Estate-Inizio autunno
Descrizione Dal parcheggio degli impianti di Ceresola di Valtorta seguire la strada inizialmente asfaltata che porta al rif. Lecco. Da qui seguire la sterrata pių bassa che risale il vallone dei Camosci. Lo spigolo dei Bergamaschi si distingue guardando a dx la paretona della montagna, ed č il terzo torrione da dx. Oltrepassati dei grandi massi al centro del vallone, risalire sul versante opposto su terreno misto a prati e sassi, sempre pių ripido fino alla base del suddetto torrione. All'attacco si trova la scritta "Spigolo bergamaschi".

L1: Salire verticali sulla placca per 2 o 3 metri, poi spostarsi leggermente a dx per sfruttare una fessura da seguire aggirando uno strapiombino da sx, al di sopra del quale si prosegue stando un po' a dx, oltrepassando lo spigolo. Si arriva cosė ad una piazzola erbosa. Continuare salendo direttamente con passo un po' strapiombante. Poi su placche e fessure fino alla sosta su catena (30m, IV+, IV, III).
L2: Risalire le roccette articolate lungo un canaletto. Continuare poi obliquando un po' a sx uscendo infine su una cengia erbosa, dove si trova la sosta su catena (30m, III, IV-).
L3: Salire sui facili gradoni superando da sx un salto roccioso. Poi traversare verso dx sotto una lama-fessura che si supera mantenendosi leggermente all'esterno (primi passi un po' strapiombanti). Seguire ancora per qualche metro la fessura spesso in opposizione, uscendone poi a dx su un terrazzino ove si trova la sosta (30m, III, IV, IV+).
L4: Spostarsi un paio di metri a dx e quindi risalire un bel camino, anche questo con tecnica di opposizione, pių verticale nel primo tratto poi meno, giungendo cosė alla sosta ove termina la via (45m, IV, III-).

Qui č possibile scendere in doppia lungo la via (soluzione logica solo se si si intende salire per un'altra via, e soprattutto se non sono presenti altre cordate) oppure proseguire per la cima lungo la Cresta Ongania.
Continuare in conserva lungo tracce di sentiero fino ad un intaglio; poi abbassarsi di 2 o 3 metri, traversare con passo delicato e continuare quindi lungo il sentierino verso dx per circa 50m, risalendo su terreno un po' detritico, fino alla base di un camino (fittoni resinati visibili). Sulla dx č visibile la catena della ferrata Rebuzzini.

L5: Risalire il camino con passo delicato nei primissimi metri, poco sopra si vede il fittone. Continuare sempre nel camino fino agli ultimi metri, delicati in quanto si č verificata una frana e quindi il terreno č piuttosto sporco di terriccio e sassi. Uscire con attenzione un po' a sx e per altri 2 o 3 metri fino alla sosta (25m, IV, III).
L6: Risalire il diedro soprastante, ben appigliato, fino al suo termine dove si trova la sosta su catena (25m, IV-, III).

Da qui in pochi minuti si raggiunge la madonnina di vetta.

DISCESA: Dalla cima scendere dal sentiero fino ad una bocchetta. Scendere quindi a sx nel ripido canale detritico (possibile innevamento fino a tarda primavera), fino al suo termine. Poi su sentiero pių comodo fino a raggiungere la strada sterrata e quindi il rif. Lecco e lungo il percorso fatto all'andata fino al parcheggio.
Valutazione itinerario  Ottimo
Commento  Bella via su ottima roccia, anche se un po' unta in diversi tratti per i numerosissimi passaggi. Via molto varia con passaggi su placche, fessure, spigoli, diedri, camini... La chiodatura č ottima (fittoni resinati) e quindi sono inutili friends o nut. Le soste sono tutte con catena anche per un'eventuale calata in doppia.

FOTO 1: Lo Spigolo dei Bergamaschi.
FOTO 2: La lama-fessura di L3, il tiro pių impegnativo della via.
FOTO 3: Dal termine della via, i 2 tiri finali lungo la cresta Ongania che portano in vetta.
Itinerario visto  691 volte
Immagini             

[ Clicca per ingrandire ]
Report collegati
12/09/2022  -  Zucco Pesciola, Spigolo dei Bergamaschi+Cresta Ongania, di Fedora