Home Gallery
Reports
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Mountain Bike
Archivio
Itinerari
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Fenio...menali
Forum
Ricerca
   Via due spigoli - Due laghi (Vezzano), 30/10/2023
Inserisci report
Onicer  merenderos   
Regione  Trentino Alto Adige
Partenza  Santa Massenza (Vezzano) (225m)
Quota attacco  315 m
Quota arrivo  540 m
Dislivello  225 m
Difficoltà  TD- / VII ( VI obbl. )
Esposizione  Sud-Est
Rifugio di appoggio  Nessuno
Attrezzatura consigliata  n.d.arrampicata. Dadi e friends indispensabili
Itinerari collegati  nessuno
Condizioni  Ottime
Valutazione itinerario  Ottimo
Commento Via davvero meritevole di una ripetizione, con tiri sempre molto interessanti e continui sulle difficoltà.
Il traverso del settimo tiro è molto più difficile del resto della via in libera. Si può in parte azzerare, ma comunque un passo tra una protezione e l'altra va fatto. La roccia in via è più che buona, anche se in alcuni punti bisogna fare attenzione al detrito. Le protezioni in via ci sono, ma è necessario integrare quelle presenti che in alcuni punti sono abbastanza distanti. Soste in ordine.
Si arriva a Massenza e si parcheggia alla centrale elettrica. A piedi si va verso il paese per qualche decina di metri, fino alla prima casa sulla sinistra, dove parte il sentiero per Vanzo. Lo si prende, e si ignora il primo bivio verso destra. Si prende invece il secondo sempre verso destra. Dopo essere transitati sotto una falesia, si sale per traccia (ometto) verso sinistra e in breve si arriva all’attacco della via (scritta in blu) (15 min).
L1: Salire in verticale superando subito una pancia leggermente strapiombante (brutto chiodo: utile martello per ribatterlo. Lasciato un nut incastrato per proteggere il passo). Salire poi in verticale superando sulla sinistra un piccolo strapiombo, e giungendo poi ad un terrazzino dove si trova un anello e un chiodo di sosta (25m, V+)
L2: Salire sopra la sosta, e poi aggirare uno strapiombino sempre a sinistra, giungendo cosi ad un terrazzino di sosta. (20m, V).
Allungando bene le protezioni si possono concatenare L1 e L2.
L3: Traversare a destra verso una fessura con cordone. Salirla e traversare subito a sinistra. Con passo strapiombante uscire sulla placca. Seguirla con bella arrampicata fino ad un fix con passaggio più impegnativo. Stare un po’ a sinistra e poi ritornare a destra verso lo spigolo fino alla sosta (35m, VI+)
L4: Salire la placca sopra alla sosta con passi delicati, e poi raggiungere lo spigolo a destra. Seguirlo fino alla sosta (20m, VI)
L5: Salire la placca stando sempre vicino allo spigolo. Salire una zona più facile fino ad una placca con rigole verticali, oltre la quale si sosta su albero cordonato (50m, VI-)
L6: Salire la placca compatta sopra la sosta. Proseguire per rocce più rotte fino a quando sulla sinistra si vede un chiodo con cordone. Traversare qui a sinistra per una decina di metri fino alla base di un diedro dove si sosta su cordone e un fix (35m, V-)
L7: Salire il bel diedro fino a quando più in alto è chiuso dalla vegetazione. Traversare a sinistra superando una sorta di spigolino, e poi per facile placchetta arrivare alla sosta (30m, V)
L8: Traversare a sinistra su lame delicate ma indispensabili per fare il passaggio. Arrivati sullo spigolo salire in verticale fino ad un fix alto in prossimità dello strapiombo (difficile da superare se non ci si sposta un po’ a sinistra). Rinviare un chiodo in uscita e poi difficile traverso verso destra fino alla sosta (25m, VII o VI,A0)
L9: Salire per rocce più lavorate fino ad una placca fessurata. Dopo i primi passi seguire la rampa verso destra che porta allo spigolo dove si sosta (30m, V)
L10: Traversare a destra e risalire la placca in prossimità dello spigolo. Superare un’altra placca con larga fessura sulla sinistra, e poi l’ultimo pilastrino che porta ad uscire nel bosco dove termina la via (40m, V+)

DISCESA: traversare subito a destra (viso a monte) in leggera discesa e poi seguire la traccia che sale nel bosco (segni blu).Riprendere poi a traversare verso destra fino ad un passaggio stretto in una grotta. Seguire il sentiero, e dopo alcuni tratti attrezzati con cavi e scaletta, si incrocia il sentiero scal (più grande e ben segnato). Ad un certo punto ci si stacca dal sentiero principale per seguirne uno più piccolo, ma comunque ben marcato, che scende in obliquo verso destra, e porta alle case di Santa Massenza. Si attraversa il piccolo borgo e si ritorna al parcheggio (45min)

Foto1: L3
Foto2. L6
Foto3: L7
Report visto  3373 volte
Immagini             

[ Clicca sulla foto per ingrandire ]
Fotoreport