Home Gallery
Reports
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Mountain Bike
Archivio
Itinerari
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Fenio...menali
Forum
Ricerca
   Campanile Basso di Brenta, via Normale, 05/10/2023
Inserisci report
Onicer  luca.trovesi   
Regione  Trentino Alto Adige
Partenza  Madonna di Campiglio - Vallesinella (1513m)
Quota attacco  2610 m
Quota arrivo  2883 m
Dislivello  270 m
Difficoltà  D / IV+ ( IV obbl. )
Esposizione  Varia
Rifugio di appoggio  Se in questa stagione i bivacchi invernali
Attrezzatura consigliata  NDA - sorgente Catullo Detassis all'inizio delle Bocchette Centrali
Itinerari collegati  nessuno
Condizioni  Eccellenti
Valutazione itinerario  Eccezionale
Commento I miei due carissimi amici Claudia e Peppino riescono a prendersi qualche giorno dal lavoro e così anche io: al volo combiniamo 3-4 giorni da passare insieme all’insegna dell’arrampicata sportiva e lacustre.
Il primo giorno familiarizziamo con la roccia scalando qualche tiro di corda a Sanico ed allenandoci con le doppie. Dopodiché ci rilassiamo un po’ al lago tuffandoci dal molo: il clima ancora mite e l’assenza di turisti permette veramente di godere in questo periodo del lato più bello del Benaco! La sera ceniamo con Thelma e ci congediamo con l’idea di passare la mattinata ad arrampicare in free solo sulla Parete Serenella tuffandoci ancora nel lago, che bell’esperienza!
Dormiremo al bivacco invernale del Brentei che, grazie alla sua comodità e al perfetto isolamento ci regala un’ottima notte di riposo. La mattina presto il cielo è limpido e la giornata non fredda. Attacchiamo l’arrampicata con il sole che sorge dietro la Paganella sopra un mare di nebbia, da soli in tutto il Brenta e felici di poter ammirare i bellissimi monti circostanti.
I tiri sono tutti epici, è la classica via dolomitica di IV fisicamente abbastanza stancante ma varia e di soddisfazione. I miei due amici (alla loro prima via lunga di arrampicata) sono rapidi e si divertono tantissimo. Ridiamo, ci rilassiamo e beneficiamo della bellezza della roccia: essa addirittura migliora salendo fino ad arrivare alla magia dei tre tiri sopra lo stradone provinciale dove, oltre ad assaporare la storia della conquista di questo monolite si rimane incantati dall’eleganza della progressione.
In vetta siamo emozionati: ci concediamo dieci minuti e poi via con le doppie con cui arriviamo alla base al buio autunnale delle 20. Dormiamo un’altra notte al Brentei, cullati dalle stelle e dal Brenta attorno a noi.
Lungo ritorno all’auto e sosta a Tione per mangiare, prima di rimetterci in viaggio: i miei amici verso la Toscana dove risiedono, io per casa dove assisterò per tre giorni al bellissimo Festival della Montagna di Toscolano-Maderno ad una delle sue prime edizioni dove, neanche a farlo apposta, scaleremo il campanile parrocchiale di Toscolano.
Non mi resta che ringraziare Peppino e Claudia per la fiducia e l’amicizia che hanno in me, i monti e la fatica che ci permettono di fortificare i legami tra noi.

FOTO 1: Inizia ad albeggiare all’attacco
FOTO 2: Peppino in uscita dalla Parete Pooli
FOTO 3: Felici in vetta
Report visto  3370 volte
Immagini             

[ Clicca sulla foto per ingrandire ]
Fotoreport