Home Gallery
Reports
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Mountain Bike
Archivio
Itinerari
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Fenio...menali
Forum
Ricerca
   Cima d'Ambiez - Cima Tosa, 10/09/2021
Inserisci report
Onicer  Federico   
Regione  Trentino Alto Adige
Partenza  San Lorenzo in Banale (1100m)
Quota attacco  2700 m
Quota arrivo  3100 m
Dislivello  400 m
Difficoltà  PD+ / III ( III obbl. )
Esposizione  Sud-Est
Rifugio di appoggio  Rif Agostini
Attrezzatura consigliata   2 mezze da 30 m (sufficiente anche una 50 m per la discesa nord), qualche rinvio eventuale materiale per integrare
Itinerari collegati  nessuno
Condizioni  Ottime
Valutazione itinerario  Ottimo
Commento Salita il primo giorno al Rif Agostini (circa 3h x 1550 m di dislivello).
Partenza da San Lorenzo in Banale, da dove seguendo la strada si raggiunge il Rif. Cacciatore a quota 1.800 m in circa 2 h per 1000 m di dislivello (possibilità di servizio taxi molto).
Noi dopo 1 h circa di cammino abbiamo seguito un sentiero sulla sx con indicazioni Malga Senaso che permette di evitare un bel pezzo di strada uscendo poi all’ultimo tornante sotto il Rif. Cacciatore .

Dal rifugio il secondo giorno partiamo di buon ora (6.00) per salire la normale SUD della Cima Ambiez (dif. max III ben spittata nei punti più esposti soprattutto anche in considerazione delle calate per la discesa).
Dopo aver seguito il sentiero 358 che si inoltra in Val d’Ambiez in corrispondenza dell’ evidente cengia della maestosa parete sud est la si segue comodamente fino all’attacco della via vera e propria. Si consigli di consultare il nuovo bel libro “LA VIA DELLE NORMALI” – DOLOMITI DI BRENDA – IDEA MONTAGNA EDIZIONI dove viene descritto tutto molto bene.
La salita la completiamo in circa 3h dal rifugio.
Dalla vetta scendiamo per la cresta nord che dopo un breve tratto facile in discesa, è attrezzata molto bene con una serie di doppie (12 in totale- lunghezza massima 25 m).
Soprattutto nella prima parte però, sviluppandosi prevalentemente in canale, c’è parecchio detrito e quindi attenzione in caso di altre cordate.
Anche per questo motivo non è consigliabile saltare con corde più lunghe le soste attrezzate.
Giunti alla Bocca d’Ambiez saliamo alla Cima Tosa per la Via Migotti.
Il primo tratto è ben spittato ma le difficoltà sono contenute nel II grado, poi spiana e si raggiunge la vetta velocemente.
Da qui scendiamo per la normale del versante sud-estin seguendo i numerosi omini (attenzione comunque nella parte alta in caso di scarsa visibilità) presenti in questa vasta distesa della Tosa, che ci portano alle 3 calate della normale.
Poi con il sentiero 358 (Brentari) arriviamo alla Sella di Tosa e all'attacco della via ferrata Brentari, che ci depositerà sulla vedretta di Ambiez (buone “peste”- avevamo i ramponi ma non li abbiamo usati) ed in mezzora al rifugio.
Partecipanti: Roby ed io
Foto 1: immagine dal libro della salita alla Cima d’Ambiez
Foto 2: immagine dal libro della discesa nord dalla Cima d’Ambiez
Foto 3: schizzo dal libro della discesa nord dalla Cima d’Ambiez
Report visto  554 volte
Immagini             

[ Clicca sulla foto per ingrandire ]
Fotoreport