Home Gallery
Reports
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Mountain Bike
Archivio
Itinerari
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Fenio...menali
Forum
Ricerca
   Monte Corte, spigolo Nord (via Belotti-Calegari), 07/08/2021
Inserisci report
Onicer  Fedora   
Regione  Lombardia
Partenza  Roncobello (Baite di Mezzeno) (1590m)
Quota attacco  2300 m
Quota arrivo  2492 m
Dislivello  150 m
Difficoltà  AD / IV ( IV obbl. )
Esposizione  Nord
Rifugio di appoggio  Nessuno
Attrezzatura consigliata  Nut e friend, corda da 30m, 4 o 5 rinvii, cordini
Itinerari collegati  nessuno
Condizioni  Buone
Valutazione itinerario  Buono
Commento Visto il meteo incerto optiamo per questa via nuova per noi per raggiungere il Monte Corte, dal suo spigolo nord (via Belotti-Calegari), che, anche se breve (solo 4 tiri ai quali noi aggiungeremo il primo “pepandola” un po’ di più) e su roccia non proprio eccezionale (salvo alcuni tratti in cui era invece buona), non è da sottovalutare, oltre che pochissimo chiodata. In via ci sono infatti solo 4 chiodi, ma svolgendosi per lo più lungo lo spigolo, è abbastanza logica. Dalle baite di Mezzeno (2 euro di ticket per l’auto) saliamo al Passo di Mezzeno e poi al Passo Laghi Gemelli. Da qui per tracce di sentiero passando sotto la parete NW del Monte Corte, fino ad arrivare al Passo W di Valsanguigno (2306m). Poco sopra. Da attacca la via. Le prime roccette sarebbero evitabili su tracce di sentiero a sx, ma noi decidiamo di risalirle con un primissimo tratto non affatto semplice come sembrava! Poi sulla sx dello spigolo per rocce rotte fino a una fessura (chiodo). Quindi per roccette ed erba, fino a un terrazzino dove si attrezza la sosta su spuntone (25m, III/IV). Saliamo quindi lungo un bel diedro con uscita strapiombante, prima della quale con passo atletico torniamo a sx sullo spigolo (bella roccia qui; 2 chiodi ravvicinati, uno vecchio e uno più nuovo); quindi su rocce ben appigliate fino a un terrazzino sullo spigolo dove si sosta su 1 chiodo da rinforzare (30m, III/IV). Seguiamo poi un altro diedro ma più facile a dx della sosta, fino a raggiungere un pulpito al suo termine (30m, III). Qui finirebbe la via (3 tiri se non consideriamo il “nostro” primo tiro) e si potrebbe salire verso dx su erba e facili roccette fino sul crestone e poi a sx in vetta. Ma preferiamo salire diretti verso la vetta con facendo un ultimo bel tiro, forse quello su roccia migliore, tenendoci sempre sul filo dello spigolo (III/III+), fino alle più facili roccette miste ad erba a pochi metri all’omone di vetta. DISCESA: dalla via normale, lungo la cresta ovest, facendo attenzione nei diversi tratti da disarrampicare (I/II) ed a volte esposti. Tornati al Passo dei Laghi Gemelli, saliamo alla Cima Papa Giovanni, quindi al Monte delle Galline, Passo Marogella e infine Baite di Mezzeno, punto di partenza. Facendo questa via come integrazione all'escursione al Monte Corte e magari ad altre cime come abbiamo fatto noi, è sicuramente di soddisfazione. Presa come via d’arrampicata in sé un po’ meno, ma comunque l’ambiente circostante è sempre meritevole, nonostante il meteo quasi sempre nuvoloso o nebbioso e con un bel venticello che ci ha infreddolito per tutta l’arrampicata!
FOTO 1: Il bel diedro del 2° tiro (3° per noi).
FOTO 2: L'ultimo tiro che ci porta direttamente a pochi metri dalla vetta, tutto su un divertente spigolo.
FOTO 3: Fine della via.
Report visto  860 volte
Immagini             

[ Clicca sulla foto per ingrandire ]
Fotoreport  Clicca qui per andare al foto-report