Home Gallery
Reports
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Mountain Bike
Archivio
Itinerari
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Fenio...menali
Forum
Ricerca
   Monte Telenek , 31/07/2022
Inserisci report
Onicer  Pierpaolo   
Gita  Monte Telenek
Regione  Lombardia
Partenza  Diga del Lago Belviso (BS)  (1400 m)
Quota arrivo  2748 m
Dislivello  1350 m
Difficoltà  EE
Rifugio di appoggio  Nessuno
Attrezzatura consigliata  Normale da escursionismo
Itinerari collegati  nessuno
Condizioni  Discrete
Valutazione itinerario  Buono
Commento Fallito il tentativo di salita al Telenek passando dal Monte Nembra qualche anno fa (cresta per noi troppo esposta), stavolta ci riproviamo dalla via normale.
Lasciata l’auto all’area picnic nei pressi della diga di Belviso, ci incamminiamo salendo per il noioso sentiero che porta a incrociare la via che sale dalla Malga Magnolta, sopra l'Aprica.
La seguiamo in direzione del Passo del Venerocolo, fino a incrociare il sentiero che sale al Lago di Pisa (qualche passaggio leggermente esposto provvisto di catena).
Saliamo piuttosto ripidamente fino al lago, dopodiché puntiamo un canalino erboso che scende poco a destra della cima, seguendo qualche sparuto ometto per raggiungere l’imbocco.
Saliamo quindi il canalino con attenzione su pendenze molto sostenute, aiutati dalla presenza di qualche balza tra l’erba e a tratti una parvenza di traccia.
Arrivati sulla cresta, voltiamo a sinistra. Per raggiungere la vetta, bisogna superare un tratto dove sono presenti grandi sassi (alcuni un po’ instabili), facendosi guidare (a fatica) dai pochi ometti presenti.
Procediamo con cautela fino in cima, facendo poi dietro front per la medesima via (attenzione nel scendere dal canalino), che però abbandoniamo nel tratto Magnolta-Venerocolo, seguendo un sentiero secondario con indicazioni “Lago di Belviso”.
Questo sentiero, nella prima parte, è una mezza agonia perché in alcuni tratti spariscono i bolli, o sono molto poco visibili, cosicché è facile sbagliare. La traccia per terra è inoltre labile, segno del fatto che sia poco battuta.
Con qualche difficoltà di orientamento scendiamo, fino a trovarci dove il sentiero e le indicazioni diventano più evidenti.
Arrivati sulla strada sterrata che costeggia il lago e la diga, chiudiamo un po’ affaticati i conti con l’escursione e la cima che in passato ci aveva respinto.

Foto 1: nel tratto provvisto di catene, poco prima dell'incrocio con il sentiero che sale al Lago di Pisa
Foto 2: alle prese con i sassi sotto la vetta
Foto 3: in cima

Report visto  428 volte
Immagini             

[ Clicca sulla foto per ingrandire ]
Fotoreport