Home Gallery
Reports
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Mountain Bike
Archivio
Itinerari
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Fenio...menali
Forum
Ricerca
   Monti Orsaro, Braiola, Marmagna, Aquilotto e Aquila , 17/04/2022
Inserisci report
Onicer  Pierpaolo   
Gita  Monti Orsaro, Braiola, Marmagna, Aquilotto e Aquila
Regione  Emilia Romagna
Partenza  Lagdei (PR)  (1248 m)
Quota arrivo  1852 m
Dislivello  1300 m
Difficoltà  EE
Rifugio di appoggio  Rifugio Mariotti
Attrezzatura consigliata  Normale da escursionismo
Itinerari collegati  nessuno
Condizioni  Discrete
Valutazione itinerario  Buono
Commento In trasferta presso l’Appennino Tosco Emiliano, oggi puntiamo a una serie di cime che fanno da spartiacque proprio tra Toscana ed Emilia Romagna.
Raggiunta la località Lagdei, prendiamo il sentiero 727a che sale alla Foce del Fosco, che permette di accedere alla cresta che unisce tutte le vette che abbiamo in mente di salire.
Arrivati alla Foce del Fosco, giriamo a sinistra per salire sulla prima cima, il Monte Orsaro, pestando qua e là chiazze di neve.
Arrivati sull’Orsaro accompagnati da un fastidioso e freddo vento di Grecale, proseguiamo verso la sottostante Bocchetta di Orsaro. Poco prima di raggiungerla è necessario abbandonare brevemente la cresta, sempre tramite sentiero, per aggirare due salti rocciosi.
Dalla bocchetta torniamo a salire, in direzione del Monte Braiola, che raggiungiamo senza difficoltà.
Scendiamo nuovamente in direzione della Sella del Braiola, con davanti a noi già ben visibile la terza cima di giornata, il Monte Marmagna.
Poco dopo la sella il sentiero si stacca dalla cresta e si snoda a mezzacosta sulle pendici meridionali del Monte Marmagna. Essendo privo di neve, non presenta difficoltà nonostante sia leggermente esposto sui ripidi pendii erbosi in alcuni tratti.
Raggiunto anche il Marmagna, scendiamo su larga cresta arrivando alla Sella del Marmagna.
Davanti a noi c’è il piccolo Monte Aquilotto, che raggiungiamo tramite sentiero che entra in un brevissimo canalino roccioso posto sotto la cima.
Dalla vetta, continuiamo la cavalcata in cresta verso il Passo dell’Aquila, leggermente esposta in qualche breve passaggio.
Dal Passo dell’Aquila saliamo facilmente al Monte Aquila e da lì proseguiamo fino a raggiungere il Passo delle Guadine. Il fastidio vento che ci ha sempre accompagnato finora, lungo questo tratto diventa furioso al punto da buttarci quasi per terra. Dobbiamo perciò lottare per arrivare fino al Passo, cercando di staccarci dalla cresta in modo da passare da qualche tratto un po’ più riparato.
Dal Passo, torniamo indietro in direzione del Lago Santo tramite il sentiero 719. La prima parte di questo sentiero fila via liscia, mentre nel tratto sopra il lago la presenza di neve dura sul percorso rallenta il cammino.
Raggiunto il lago e il Rifugio Mariotti posto sulla sua sponda, prendiamo il sentiero, un po’ noioso, che ci riporta a Lagdei.
Escursione molto bella e panoramica, anche se troppo ventosa oggi.

Foto 1: in discesa verso la Bocchetta di Orsaro. Davanti a noi i monti Braiola e Marmagna
Foto 2: sulla cresta del Monte Aquilotto. Dietro di noi il Marmagna, già salito
Foto 3: il Lago Santo e il Rifugio Mariotti
Report visto  2033 volte
Immagini             

[ Clicca sulla foto per ingrandire ]
Fotoreport