Home Gallery
Reports
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Mountain Bike
Archivio
Itinerari
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Fenio...menali
Forum
Ricerca
   Corno di Flavona, dalla Val Gelada, per la Bocch. 3 Sassi, 05/05/2024
Inserisci report
Onicer  Fedora      
Gita  Corno di Flavona, dalla Val Gelada, per la Bocch. 3 Sassi
Regione  Trentino Alto Adige
Partenza  Campo Carlo Magno (M. di Campiglio)  (1650 m)
Quota arrivo  2918 m
Dislivello  1300 m
Difficoltà  BSA
Esposizione in salita  Ovest
Esposizione in discesa  Ovest
Itinerari collegati  Corno di Flavona (2918m), dalla Val Gelada, per la Bocch. 3 Sassi
Neve prevalente  Trasformata
Altra neve  Marcia
Rischio valanghe  2 - Moderato
Condizioni  Ottime
Valutazione itinerario  Ottimo
Commento Propongo ai soci questa gita, pur avendo solo una relazione del tracciato estivo e praticamente nessun'altra info... Inoltre con il dubbio del meteo e delle condizioni. Ma accettano e così ci incontriamo a Salò, visto che io sono al Garda con la family per il we.
Dal parcheggio attraversiamo la pista di fondo e dopo 10' di spallaggio calziamo gli sci. Ancora un breve togli-metti nei pressi della Malga Mondifrà e poi sempre sci ai piedi. Neve bella dura in salita, fino alla Bocchetta 3 Sassi. Qui lasciamo gli sci e con picca e ramponi iniziamo la nostra salita, sperando di trovare il percorso e le condizioni giuste. Sarà tutta da tracciare, ma si sapeva. All'inizio i bolli bianco-rossi ci aiutano per arrivare al famoso grosso ometto, fra traversi e tratti di salita più ripidi. Poi si va a naso. Sul versante N superiamo un ripido pendio e qualche roccetta e poi siamo sulla dorsale W, da dove il percorso diventa un po' più evidente. Pur essendo facile d'estate (I grado), con la neve e la fatica di tracciare diventa tutto un po' più "pepato". Ma proprio per questo è una grande soddisfazione toccare la cima (1h e 15' dalla bocchetta), ometto sepolto dalla neve. Nei traversi finali per arrivare alla bocchetta la neve ha smollato parecchio e si sfonda il doppio che in salita. Ma finalmente calziamo gli sci e ci godiamo un'ottima discesa su neve che nel frattempo ha smollato, ma a parte i primi 100m (leggera crostina) poi sciata goduriosa fino al ripido pendio di bosco rado, dove la neve marroncino ci regala ottime curve fino in fondo, poco prima della Malga Mondifrà. Poi molto "racchettage" e ultimi 10min di risalita sui prati per tornare alla macchina. Giornata top!!!
Partecipanti: Fedora, Lidia, Nicola e Zamma.

FOTO 1: Sul versante N, il ripido canale da salire che ci riporta sulla dorsale W.
FOTO 2: Ormai a pochi metri dalla cima.
FOTO 3: La meritata bellissima discesa.
Report visto  2237 volte
Immagini             

[ Clicca sulla foto per ingrandire ]
Fotoreport  Clicca qui per andare al foto-report